giovedì 18 dicembre 2014

LECTIO: 4ª DOMENICA DI AVVENTO (B)

Lectio divina su Lc 1,26-38


Invocare
Dio grande e misericordioso, che tra gli umili scegli i tuoi servi per portare a compimento il disegno di salvezza, concedi alla tua Chiesa la fecondità dello Spirito, perché sull’esempio di Maria accolga il Verbo della vita e si rallegri come madre di una stirpe santa e incorruttibile. Per Cristo nostro Signore. Amen

Leggere
26 Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 27 a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28 Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
29 A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30 L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31 Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32 Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33 e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
34 Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». 35 Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36 Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37 nulla è impossibile a Dio». 38 Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei.

Silenzio meditativo: Canterò per sempre l’amore del Signore

Capire
La liturgia di questa IV Domenica di Avvento, ci riconduce al mistero dell'annunciazione. L’annunzio della nascita di Gesù a Maria di Nazareth, costituisce il centro del Vangelo dell’infanzia secondo la narrazione lucana. 
Il nome della Vergine Maria, importante per la nostra vita, assume un ruolo misterioso, ma eminente. L’ebraico Mirjam va tradotto con “Illuminatrice del mare” o con “Stella del mare”, traduzione, quest’ultima, preferita da san Bernardo.
Di Maria l’evangelista Luca ama sottolineare la povertà della sua condizione: è una donna (quindi socialmente debole), è vergine, priva dell’unico valore socialmente riconosciuto alla donna nella società antica: la maternità; vive a Nazareth (oscuro villaggio di una regione religiosamente infida). Ma Dio ama compiere le meraviglie della sua opera proprio nella debolezza della condizione umana; san Paolo ricorda che la potenza di Dio si manifesta nella debolezza (Cfr. 2Cor 12,7-10). Così Maria diventa la “proclamazione della grazia di Dio”; niente in lei è grandezza puramente umana; tutto è opera di Dio nella creatura umana.
Il testo è abbinato alla profezia di Natan (2 Sam 7,1-5.8b-12.14a.16) sul discendente di Davide, di carattere messianico; completano la liturgia della Parola il salmo 88 e il testo paolino di Rm 16,25-27, due glorificazioni della fedeltà di Dio alla sue promesse.
Nel brano dell'annunciazione abbiamo il mistero dell’incontro tra l’uomo e Dio che non si può spiegare. Avviene e basta. È un incontro che lascia il segno: qui sta la grandezza. Per coglierne un barlume, va tenuto presente il brano dell’annunciazione a Maria con l'annuncio a Zaccaria (Lc 1,5-20), in quanto l'evangelista li ha composti in coppia, con evidente parallelismo, per metterne in risalto gli elementi caratteristici: far emergere la distanza tra i due nascituri, Giovanni e Gesù, e le diverse risposte dei rispettivi genitori, Zaccaria e Maria.

Meditare
v. 26: Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret
La Parola porta un evento, un annuncio, qualcosa di nuovo, bello, inaudito. È il "sesto mese". Un dato cronologico di cui Luca accuratamente ci da delle indicazioni sui personaggi, luogo e tempo. Luca ci presenta Maria al “sesto mese” cioè in quell’umanità imperfetta e fragile. Non è ancora sette, ma in questa cifra vi è racchiusa la vocazione di Maria, la sua umile e “potente” comparsa sulla scena della salvezza, segno dell’amore di Dio per ciascuno di noi.
Il Messaggero di Dio (angelo) è Gabriele che in Daniele è presentato come colui che annuncia il tempo della salvezza (cfr. Dn 8,16-17; 9,21-27); precedentemente dopo aver annunciato a Zaccaria la nascita di Giovanni si era presentato con il suo nome e il suo rango (1,19; cfr. Tb 12,15).
Nazaret è il luogo dove si svolge la scena. Non è Gerusalemme, la città santa, anzi non troviamo citazione di essa nell’AT o testi extra biblici. Nazaret è un villaggio di una regione disprezzata, infedele e semipagana: la Galilea. Infatti, più tardi quando si descriveranno le origini di Gesù a Nazaret saranno motivo di derisione da parte di taluni scettici sulla sua missione (Gv 1,46).
La scena è da collegarla con quanto accade a Zaccaria nel Tempio che fa da contrasto con la vita di Maria.
v. 27: a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.
La prima parola con cui l’autore del Vangelo qualifica Maria è: “vergine, promessa sposa”. 
La parola "vergine", nella Bibbia, non indica esclusivamente il fatto biologico, ma anche una donna appena sposata, e in particolare una vita sempre disposta ad accogliere. 
Questa descrizione dell’evangelista, come una intuizione, ci trasporta nelle pagine dell’AT che aveva visto e desiderato per la donna sterile un destino di grazia: “Beata la sterile non contaminata… avrà il suo frutto alla rassegna delle anime” (Sap 3,13). Maria rappresenta, nella prospettiva del Vangelo, la novità compiuta dalla grazia di Dio.
La menzione di Giuseppe, discendente di Davide, serve a giustificare, sul piano storico, e legale, la promessa riguardante il figlio di Maria: Dio gli affiderà il trono di Davide suo antenato (v.32).
v. 28: Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
Quì inizia il dialogo, l'ascolto. Abbiamo un saluto (“Rallegrati”) e un appellativo (“piena di grazia”), seguiti dalla garanzia di protezione divina (“Il Signore è con te”). 
Nel saluto viene omesso il nome di Maria, infatti nel testo originale greco suona: “Kaire kekaritoméne”; cioè: rallegrati tu che sei stata trasformata (o ricolma) dalla grazia (cfr. Sof 3,14ss.; Zc 2,14), è un implicito riferimento al testo di Sof 3,14 (anche Zc 9,9), dove è la figlia di Sion, visitata dal suo Signore, a rallegrarsi; è pure un rimando alla gioia del vangelo, la gioia messianica, a cui Luca fa spesso riferimento nei capitoli 1 e 2 del suo vangelo. In pratica: rallegrati, Dio ti ha guardato con favore, con benevolenza, ti ha guardato con la ricchezza della sua generosità e ha trasformato la tua vita con il suo dono di grazia; per cui la forma che la tua vita ormai ha assunto è la forma prodotta in te dalla grazia di Dio, dal dono di Dio.
Maria in questo momento è identificata dall’inviato di Dio come colei che è totalmente avvolta da suo amore gratuito e benigno.
Come nei racconto di vocazione AT ( Es 3,12; Gdc 6,12; Ger 1,8.19; Gn 26,24), questo saluto si conclude con la protezione divina: “Il Signore è con te” ; l'evangelista intende infatti narrare la vocazione di Maria sulla falsariga delle grandi figure bibliche della tradizione messianica.
v. 29: A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 
Maria ha una sua reazione che rientra in una normalità. Luca per descrivere questa reazione, usa un verbo più incisivo rispetto a quello usato per Zaccaria in 1,12. Se Zaccaria appare timoroso, dubbioso Maria invece è nell’atto di chi si ferma a riflettere a contemplare il senso profondo dell'inatteso messaggio che ha appena ricevuto. Il turbamento che troviamo nella vita di Maria possiamo leggerlo come un “sconvolgere profondamente” e fa parte del genere letterario delle annunciazioni (cfr. Lc 1,12) corrispondendo alle perplessità che avviene in ciascun chiamato ancora oggi (nella Bibbia possiamo vedere la chiamata di Mosé, Gedeone, Geremia, etc.). 
In questo turbamento, Maria è alla presenza di Dio e diventa modello e icona del cammino di ciascun cristiano.
vv. 30-33: L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 
Pur riprendendo il v. 28, non abbiamo un saluto, ma una realizzazione messianica. Il v. 31 inizia con una espressione tipicamente biblica (cfr. Gen 16,11; 17,19; Gdc 13,5-7). La stessa cosa annuncerà il profeta Isaia (7,14), con l'indicazione del nome del bambino che a differenza di quanto avviene in Mt 1,21 non viene spiegato; Luca però dirà più avanti (vedi 2,11) che egli è il salvatore. Maria sarà la madre del Messia atteso e annunciato. Maria è la donna che, nella routine della vita ordinaria, si trova davanti al piano divino (elezione) che Dio intende realizzare per mezzo della sua persona a favore del popolo (vocazione e missione).
Maria è la donna che fa passare Dio nel suo cuore (re-cor-dare) per concepire un figlio, darlo alla luce e chiamarlo Gesù; accoglie i segni della realizzazione di quanto le viene prospettato nell’evidente miracolo del concepimento di Elisabetta e finalmente pronuncia il suo fiat.
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo
Questa descrizione è la spiegazione del mistero, l’identità del nascituro. Anzitutto "sarà grande" (lo stesso titolo è dato a Giovanni Battista, 1,15). “Figlio dell'Altissimo”, un'espressione che anzitutto è in riferimento a Dio e che in secondo luogo indica il re davidico; Gabriele ricorda implicitamente la promessa divina di un trono eterno a Davide, fatta dal profeta Natan al re (2Sam 7,12-16; Sal 2,7; 89,27) all'origine delle attese messianiche.
il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Un'indicazione nazionale che verrà però superata subito dopo (vedi 2,32): il figlio sarà dunque re universale e d eterno. Tutti questi nomi attribuito a Gesù sono la conferma che in lui si compiono le promesse di Dio ad Israele che costellano la Scrittura.
Queste parole prese dall’AT avranno compimento nel NT ed assumeranno un significato pienamente teologico nell’espressione “Figlio di Dio” del v. 35.
v. 34: Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?».
Maria interviene chiedendo la dinamica di quanto dovrà accadere, in quanto ella è una vergine. In questa domanda troviamo sempre quell'opposto con Zaccaria che cercava un segno. Maria, invece, cerca la sua obbedienza in Dio in maniera cosciente e responsabile. È una ricerca di come dovrà svolgere il suo ruolo, di come collocarsi nel piano di Dio, di come realizzare i Suoi disegni.
Quanto Maria considerava come un ostacolo per questa maternità gloriosa è, nel pensiero divino, la condizione necessaria. Se Dio prima le ha ispirato di rimanere Vergine, ora le domanda di diventare madre.
Maria in questa sua ricerca comincia a dare corpo a questa chiamata divina, a capire che “Il Signore dal seno materno mi ha chiamato, fin dal grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome” (Is 49,1).
La verginità di Maria l'espressione della radicale povertà e disponibilità nella fede al progetto di Dio.
vv. 35-37: Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 
L’Angelo promette la Forza, la potenza dell’Altissimo ed utilizza l’immagine dell’ombra tratta da Es 33,7-11 dove, dopo la costruzione della tenda del convegno, una nube scendeva sull'arca dell'alleanza per indicare la presenza di Dio (cfr. Es 40,45; Nm 9,18.22). Maria sta cioè per diventare la dimora di una speciale presenza divina.  
Episkiazein, in ebraico hammishkan, da shakan che significa abitare e che i LXX hanno tradotto con skēnē, parola formata dalle stesse consonanti della radice ebraica; dallo stesso gruppo deriva la parola shekinà che nel Giudaismo posteriore indicherà l'abitazione divina e sostituirà lo stesso nome di Jahvé. Maria è la prima casa del Dio fatto uomo; Maria è l'arca di quella alleanza definitiva che sarà ratificata sulla croce e che, sacramentalmente, noi riviviamo nella celebrazione eucaristica. L'espressione richiama dunque la presenza misteriosa di Dio nei luoghi a lui consacrati: la tenda del deserto e il tempio di Gerusalemme (cfr. 1Re 8,10).
Maria trova la sua risposta nella Parola di Dio. Il linguaggio usato è quello della Sacra Scrittura ben comprensibile ad ogni pio israelita. E' l'azione dello Spirito Santo, della forza divina creatrice, quella potenza che fin dal principio aleggiava sulle acque (Gen 1,2) e che ora sta per realizzare un nuovo atto creativo.
Il bambino che nascerà sarà santo conclude l'angelo, santo è un termine che indica un'esclusiva appartenenza a Dio ed è una delle espressioni più antiche per indicare la divinità di Gesù (vedi At 3,14; 4,27.30; Lc 4,34). Infine Gesù è detto esplicitamente Figlio di Dio, per indicare il singolare rapporto che intercorre tra Gesù e Dio. 
Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile.
L’Angelo chiude il discorso mettendo davanti una garanzia, un altro atto creativo e vivificante di Dio (cfr. Gn 1,2; Sal 104,30) che si fa garanzia di ogni parola che esce dalla bocca di Dio. Garanzia che riscontriamo in altri personaggi: i tre angeli a Mamre (Gen 18,14); a Giobbe (Gb 42,2); a Geremia (Ger 32,27).
Nulla è impossibile a Dio.
Maria ha meditato l’Inaudito! Ha ricordato, fatto passare Dio nella sua vita, nel suo cuore, più volte. Lo ricorderà in seguito davanti a Elisabetta (vv. 46-55). La novità di Dio sarà la sua gioia per sempre e di quanti riporranno fiducia in Dio (2Tm 1,12).
v. 38: Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei.
La risposta di Maria, è una sua qualifica, la ritroviamo frequentemente circa 200 volte, perché Dio passa sempre dalla vita dell'uomo, lo chiama. L'espressione infatti è di colui o colei che ripone fiducia in Dio, che si mette a completa disposizione per compiere la sua volontà. È un'espressione di grande fede e di amore, in quanto essere servo di Dio nella Bibbia è un titolo di gloria (cfr. Rut 3,9; 1Sam 25,41), come i numerosi personaggi che nell'AT furono scelti per una missione particolare in favore del popolo eletto.
Il sì di Maria è un sì gioioso (ghénoito) è il primo sì alla consegna che Dio fa di se stesso nelle mani di ogni uomo e di ogni donna. Gesù è il consegnato dal Padre nelle mani dell’altro. E Maria, attraverso il suo sì, permette questo: permette che attraverso di lei abbia inizio la consegna di Gesù. 
Al sì di Maria, non importa più la presenza dell'Angelo. È lei il nuovo Angelo, titolo riservato ai grandi personaggi di fede e che ora è chiamata a donare il Verbo all'umanità!
Maria in piena umiltà si rende disponibile con tutta se stessa all'azione efficace della Parola di Dio, perché sia essa a plasmare la sua vita, presentandosi come modello dell'ascolto di tale Parola e di obbedienza della fede (cfr. Rm 16,25-27).
Questa sarà la via del discepolo di Cristo di ogni tempo, di ogni epoca: accettare tutto da Dio, e solo da Dio, ma «secondo la Parola» onnipotente.

La Parola illumina la vita
Quante volte capita che davanti alla chiamata di Dio ci si chiede: “perché proprio io?”. Maria in qualche modo si pone la stessa domanda facendo un altro ragionamento dentro di sé, diverso dalle precedenti (o odierne chiamate): cerca di penetrare il senso recondito e la portata di quelle parole, quindi cerca di capire ciò che il Signore le sta chiedendo per mezzo del suo messaggero e la missione specifica. 
Il suo turbamento insieme alla sua riflessione interiore, mette in risalto un nuovo aspetto della sua persona: la sua apertura nei confronti della Parola di Dio, il suo lasciarsi interrogare, provocare da ciò che ascolta. Come accettiamo tutto da Dio, secondo la sua Parola?
C'è da chiedersi come viviamo e lasciamo passare di Dio nel nostro cuore e generarlo con coscienza e responsabilità.

Pregare
Canterò in eterno l’amore del Signore,
di generazione in generazione 
farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,
perché ho detto: «È un amore edificato per sempre;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà».

«Ho stretto un’alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide, mio servo.
Stabilirò per sempre la tua discendenza,
di generazione in generazione edificherò il tuo trono».

«Egli mi invocherà: “Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza”.
Gli conserverò sempre il mio amore,
la mia alleanza gli sarà fedele». (Sal 88)

Contemplare-agire
Impariamo, sull’esempio di Maria, ad ascoltare il Signore che ci parla nelle piccole cose di ogni giorno. Ogni giorno fermiamoci a dialogare con il Signore ascoltando la sua Parola, perché possiamo conoscere, accogliere e vivere appieno la chiamata all’amore per l’altro.

Nessun commento:

Posta un commento