venerdì 3 luglio 2015

LECTIO: XIV Domenica del Tempo Ordinario (B)

Lectio divina su Mc 6,1-6


Invocare
O Padre, togli il velo dai nostri occhi e donaci la luce dello Spirito, perché sappiamo riconoscere la tua gloria nell’umiliazione del tuo Figlio e nella nostra infermità umana sperimentiamo la potenza della sua risurrezione. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Leggere
1 Partì di là e venne nella sua patria e i suoi discepoli lo seguirono. 2 Giunto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga. E molti, ascoltando, rimanevano stupiti e dicevano: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data? E i prodigi come quelli compiuti dalle sue mani? 3 Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?». Ed era per loro motivo di scandalo. 4 Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». 5 E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. 6a E si meravigliava della loro incredulità. 6b Gesù percorreva i villaggi d'intorno, insegnando.

Silenzio meditativo: I nostri occhi sono rivolti al Signore.

Capire
Un nuovo capitolo, una nuova scena all’orizzonte. Il brano lo ritroviamo nei tre vangeli sinottici. Si tratta del ritorno in patria di Gesù. Nel passo parallelo di Luca (4,16-30) conosciamo meglio il contenuto di questa presenza di Gesù in patria.
Gesù osserva che il popolo ascolta con stupore il suo insegnamento, ma, ben presto, questo stupore si tramuta in incredulità. Una chiusura che sembra essere preannunciata nelle parole che Dio rivolge al profeta Ezechiele.
Il brano fa da cerniera tra l’istruzione sulla Parola e sul battesimo (cc. 4-5) e quella sull’eucarestia (6,6b-8,30). Mostra la mancanza della fede, causa della morte di Gesù, e l’incredulità blocca ogni opera salvifica e fa peccare contro lo Spirito Santo.
Il punto però sta proprio qui. Gesù è il seme della Parola, gettato sotto terra, che diventerà pane di vita, spezzato per tutti noi.

Meditare
v. 1: Partì di là e venne nella sua patria e i suoi discepoli lo seguirono.
Gesù lascia Cafarnao e fa ritorno nella sua patria. La patria è la terra degli antenati. Non si fa cenno a Nazaret perché la patria per Gesù è l’adamah, la terra, l’adam, l’uomo. La patria per Gesù è il popolo giudiaco, la Galilea.
Gesù non ci torna per visita, ma con i suoi discepoli, nella sua qualità di maestro e Messia.
v. 2: Giunto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga.
Il far ritorno a casa non è ferie ma continua il suo rapporto con Dio - com'era suo solito - di sabato entra nella sinagoga per la preghiera e la liturgia della Parola. Il sabato era il giorno dedicato alla preghiera e all'istruzione religiosa, che si svolgeva normalmente nella sinagoga. Gesù approfitta volentieri di questa occasione (qui è la seconda volta) per annunziare il suo messaggio (1,21-39; cfr. Lc 4,16-30).
Questa sinagoga rappresenta tutte quelle della regione, dove Gesù ha esercitato la sua attività (1,39).
E molti, ascoltando, rimanevano stupiti e dicevano: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data? E i prodigi come quelli compiuti dalle sue mani?
Lo stupore dei compaesani è lo stesso degli scribi (1, 22-27 ). La profondità dell'insegnamento di Gesù e le opere che compie colpiscono e confondono perché non si capisce la fonte di così grande saggezza e di tanto potere. Non si riesce a cogliere in Gesù la condizione divina, perché gli scribi hanno detto che in Gesù c’è una condizione diabolica, loro devono credere quello che le autorità impongono di credere. La questione è aperta sull'origine divina di Gesù.
v. 3: Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?».
La domanda ha una sottolineatura dispregiativa e suona più o meno cosi: "Come mai questo falegname viene a parlarci in nome di Dio”. In questo versetto ci sta un rifiuto della paternità di Gesù. Non perché non si conoscesse, ma per disprezzo. Gesù, infatti, viene avvicinato a sua madre Maria e non al padre. Dire che qualcuno è il figlio di una donna significa che la paternità è dubbia e incerta. Quindi passano alle offese e passano alla realtà, elencando i suoi parenti, fratelli e sorelle, cioè gli appartenenti al suo clan familiare.
Ed era per loro motivo di scandalo.
Gesù dirà " beato chi non si scandalizzerà di me". Nonostante quanto di straordinario vedono in Gesù, i nazaretani non sono capaci di credere che Gesù è l’inviato di Dio perché, guardando alle sue umili condizioni familiari, non possono credere che Dio “a uno simile” gli abbia conferito tanta autorità e dignità.
v. 4: Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua».
Gesù si presenta come profeta, cioè come ispirato dallo Spirito di Dio. L'episodio va al di là del rifiuto di un piccolo paese della Galilea: prefigura il rifiuto dell'intero Israele (cfr Gv 1,11) e anche dell’umanità oggi. Tutti in qualche maniera rifiutiamo un Dio la cui sapienza e potenza è la follia e l’impotenza è l’amore.
Quante volte vogliamo un Dio diverso a nostra immagine e somiglianza? Che risponda alle nostre sofferenze o domande della vita solo quando soffriamo?
Dio è dalla parte dei profeti, eppure i profeti sono sempre rifiutati; gli uomini di Dio, i giusti, sono sistematicamente tolti di mezzo, salvo poi costruire loro sepolcri e monumenti tardivi (cfr Lc 11,47-48).
Bene profetizza in merito il profeta: “gli Israeliti non vogliono ascoltar te, perché non vogliono ascoltar me: tutti gli Israeliti sono di dura cervice e di cuore ostinato. Ecco io ti do una faccia tosta quanto la loro e una fronte dura quanto la loro fronte. Come diamante, più dura della selce ho reso la tua fronte. Non li temere, non impaurirti davanti a loro; sono una genia di ribelli” (Ez 3,7-9).
Se avessero ricordato le antiche parole rivolte a Mosè: “Il Signore tuo Dio susciterà per te, in mezzo a te, fra i tuoi fratelli un profeta pari a me; a lui darete ascolto” (Dt 18 15), avrebbero accolto non solo le parole ma lo stesso Gesù come inviato di Dio.
v. 5: E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì.
Anche qui possiamo cogliere come il miracolo è legato alla fede. Se Gesù compie qualche miracolo, lo fa come risposta alla sincerità dell'uomo che cerca la verità e non la soddisfazione del proprio bisogno. Diversamente dagli uomini, Dio non usa la violenza per imporre i propri diritti. E neppure fa miracoli per permettere agli uomini di esimersi dal rischio e dalla fatica del credere.
I Pochi malati guariti sono coloro che nonostante la sofferenza, cercano Dio e il seme della Parola, viene accolto da loro e produce frutto.
v. 6a: E si meravigliava della loro incredulità.
Il non aver fede e come un campo mai irrorato, irrigato, vangato. È come un corpo privo dei suoi arti. Di questo Gesù, trovandolo, si meraviglia. Forse è la prima volta.
Qui la conclusione amara di Gesù che fa eco a quello che c’è scritto nel vangelo di Giovanni “Egli venne tra i suoi, ma i suoi non l’hanno accolto”(Gv 1,11.)
v. 6b: Gesù percorreva i villaggi d'intorno, insegnando.
Gesù è Colui che non ha luogo dove posare il capo (Lc 9,58), la strada è la sua casa. Il suo percorrere i villaggi infaticabilmente è espressione del suo amore che cerca tutti e lascia l’esempio ai discepoli: “vi ho dato l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi” (Gv 13,15).

La Parola illumina la vita
Quante volte vogliamo un Dio diverso a nostra immagine e somiglianza?
Sono consapevole che Dio opera ancora, anche attraverso i profeti che vivono accanto a me? Mi lascio mettere in discussione da loro, provocare dalle loro parole e dai gesti che operano nella fedeltà di Dio?
La Parola che ascolto riesce a smuovere la mia fede? Rischio di dire: so tutto di Gesù? e non mi lascio convertire? Quale incidenza ha sulla mia vita quotidiana? Riesco a passare dall’ascolto alla fede?
Sono cosciente che il mio essere cristiano significa essere altro Cristo che con amore cerca tutti?

Pregare
A te alzo i miei occhi,
a te che siedi nei cieli.
Ecco, come gli occhi dei servi
alla mano dei loro padroni.

Come gli occhi di una schiava
alla mano della sua padrona,
così i nostri occhi al Signore nostro Dio,
finché abbia pietà di noi.

Pietà di noi, Signore, pietà di noi,
siamo già troppo sazi di disprezzo,
troppo sazi noi siamo dello scherno dei gaudenti,
del disprezzo dei superbi. (Sal 122).

Contemplare-agire

Contemplare l’amore è individuare una realtà che mi è di scandalo e mi pormi davanti ad essa in una situazione di apertura, per cercare di scoprire cosa il Signore vuole rivelarmi di se stesso attraverso di essa per il bene di tutti.



Nessun commento:

Posta un commento