giovedì 1 ottobre 2015

LECTIO: XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B)

Lectio divina su Mc 10,2-16


Invocare
Dio, che hai creato l'uomo e la donna, perché i due siano una vita sola, principio dell'armonia libera e necessaria che si realizza nell'amore; per opera del tuo Spirito riporta i figli di Adamo alla santità delle prime origini, e dona loro un cuore fedele perché nessun potere umano osi dividere ciò che tu stesso hai unito. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Leggere
2 Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, gli domandavano se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. 3 Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». 4 Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». 5 Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. 6 Ma dall'inizio della creazione li fece maschio e femmina; 7 per questo l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie 8 e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. 9 Dunque l'uomo non divida quello che Dio ha congiunto». 10 A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. 11 E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio verso di lei; 12 e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
13 Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. 14 Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. 15 In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». 16 E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

Silenzio meditativo: Ci benedica il Signore tutti i giorni della nostra vita.

Capire
Siamo al cap.10 del vangelo di Marco. In questo capitolo si cerca di mettere in luce il concetto di sequela - che dal cap. 8 in poi si va sempre più precisando come un viaggio verso la Croce - e, dall'altra, di applicarla a tre situazioni che per la comunità primitiva erano di grande importanza: il matrimonio, la ricchezza e l'autorità.
Due sono gli episodi che si leggono in questa domenica: quello relativo al divorzio e all'adulterio e quello riguardante i bambini. «Ci benedica il Signore tutti i giorni della nostra vita» Così recitiamo nel salmo responsoriale e come ritornello meditativo a questa lectio. Ciò ci aiuterà a capire questi episodi e a vedere Dio fonte di benedizione in una continua e straordinaria storia di amore e di salvezza.

Meditare
v. 2: Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, gli domandavano se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie.
Ci troviamo nella Giudea al di là del Giordano, cioè nella Perea, zona considerata parte della Giudea, appunto. Questa collocazione viene vista come un segno che l'episodio aveva vita propria ed è stato inserito nel vangelo di Marco in un secondo momento. Altri interpretano questa indicazione geografica come un segno dell'avvicinarsi di Gesù al momento della sua passione, che avverrà a Gerusalemme, in Giudea (cfr 10,1).
Qui Gesù sta insegnando. I farisei lo mettono alla prova. La traduzione del verbo greco peirázō (= tentare) ha un significato cattivo, in quanto si tenta di far cadere nell’errore qualcuno con un tranello tesogli di nascosto (cfr. 8,11; 12,13-15; e in specie Mt 4,1-3 dove il participio peirazon diventa il nome personale di Satana, il tentatore per eccellenza).
È l’antifona alle controversie a cui Gesù verrà sottoposto da parte degli scribi, dei farisei ed erodiani e dei sadducei dopo essere entrato a Gerusalemme (cfr. Mc 12). Anche se tra le pagine del vangelo di Marco questa critica la troviamo già dal secondo capitolo.
L’evangelista Matteo 19,3 presenta la domanda con questa aggiunta: "per un motivo qualsiasi". Al tempo di Gesù il divorzio era ammesso sulla base di un testo del Deuteronomio (24,1): il marito può ripudiare la moglie allorché essa ha commesso qualcosa di immorale ai suoi occhi. Le due grandi scuole teologiche del tempo divergevano nell'interpretazione del brano che abbiamo citato.
Qui gli interlocutori di Gesù ne fanno un pretesto sondare la sua posizione nei confronti della legge. Anzi con una certa finezza pungente, chiedono se "è lecito".
La questione del ripudio era sicuramente un problema che riguardava la comunità di Marco. L'insegnamento di Gesù in linea generale (vv. 2-9) aveva bisogno di un'ulteriore precisazione (vv. 11-12).
vv. 3-4: Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».
Gesù aggiusta il loro tiro chiedendo che cosa abbia "ordinato" Mosè. Anche se Mosè, a tal riguardo, non ha ordinato nulla. Nella Torah, si presuppone, che il divorzio sia una prerogativa del marito. Al tempo di Gesù il divorzio era dunque ammesso sulla base di un testo dell'A.T. (Dt 24,1-4) e il marito poteva ripudiare la moglie qualora essa avesse commesso qualcosa di immorale ai suoi occhi.
Due correnti, scuole rabbiniche, erano divise sulla questione. Una era la scuola del rabbino Shammaj lo intendeva nel senso più grave, e cioè il peccato di lussuria da parte della moglie. Limitava così fortemente i casi in cui fosse possibile il ripudio, tutelando la parte più debole, cioè la donna. Un'altra corrente, quella capeggiata dal rabbino Hillel, pensava a qualsiasi cosa potesse risultare sgradita al marito, anche cose di poco conto, come lasciar bruciare la minestra. A ben guardare, tenendo conto che il cucinare era una delle attività principali della donna di casa, il lasciar bruciare la minestra poteva avere un significato ben più forte: una certa noncuranza verso i propri doveri o un gesto di protesta passiva.
Il v. 4 riprendendo il precedente fa  la differenza tra la domanda «cosa vi ha ordinato Mose», e la risposta «Mose ha permesso». Nel documento il marito dichiarava di aver ripudiato la moglie e di averla mandata via di casa.
v. 5: Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma.
Gesù non cade in questa casistica e ricorda ai farisei che la legge di Mosè, non è un precetto ma un permesso per la loro sclerocardìa. Il termine nel NT è usato solo qui (e nel parallelo di Mt 19,8) e nel finale aggiunto nel II secolo nel Vangelo di Marco: «e [Gesù] li [i discepoli] rimproverò per la loro incredulità e ostinazione (= "durezza di cuore")» (Mc 16,14).
La durezza di cuore è uno dei grandi temi biblici. Essa comporta la chiusura totale della mente e delle emozioni nei confronti della verità. Nei primi capitoli dell'Esodo il faraone è presentato come un esempio della durezza di cuore. Nel Sal 95,8 il popolo d'Israele è esortato a non seguire il pessimo esempio dei loro antenati nel deserto: «Non indurite il cuore, come a Meriba, come nel giorno di Massa nel deserto». In Mc 3,5 Gesù nella sinagoga accusa i suoi avversari di essere duri di cuore ma usando il termine pórósis («cecità» di cuore) e in 4,10-12 l'incapacità del pubblico di capire le parabole è spiegata in termini della durezza di cuore (pórósis) dalla profezia di Isaia 6,9-10 (altre citazioni dell’AT possono completare il tema). Marco ne parla in alcuni episodi della vita di Gesù: quando viene chiamato a fare un miracolo in giorno di sabato (3,5) oppure quando i suoi discepoli non comprendono il miracolo dei pani (6,52). Ancora alla fine del Vangelo di Marco i discepoli non hanno creduto alla risurrezione per la loro durezza di cuore (16,14).
Nel contesto del dibattito riguardo al matrimonio e al divorzio in Mc 10,1-12 Gesù interpreta Dt 24,1-4 nel senso di una concessione temporanea fatta da Dio alla debolezza spirituale del popolo.
v. 6: Ma dall'inizio della creazione li fece maschio e femmina
Gesù ritorna al progetto del Creatore e nega, con totale chiarezza, all´uomo il diritto di ripudiare la propria moglie. Perciò non riconosce e dichiara invalida la Legge di Mosè, perché non risponde alla volontà originale di Dio; i criteri del Regno si oppongono alle tradizioni giudee.
Il Creatore fece la persona umana sessuata: maschio e femmina (Gn 1,27): due esseri simili ma anche diversi che sono posti in relazione l'uno verso l'altro e che in questa relazione trovano la loro pienezza. Non solo: essi sono chiamati ad essere fecondi e a moltiplicarsi. La loro unione ha come scopo quello di continuare la creazione.
vv. 7-9: per questo l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l'uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
Proprio per realizzare la relazione a cui sono chiamati l'uomo e la donna abbandonano i propri genitori per diventare una carne sola (Gn 2,24). I legami di sangue diventano meno importanti davanti alla vocazione fondamentale della persona umana. La "carne sola" che i due diventano può essere intesa come l'unione sessuale dei due corpi, ma anche come la comunanza di una stessa sorte, che ha inizio appunto con il patto matrimoniale. Da ciò deriva l'affermazione di principio di Gesù: "L'uomo non divida quello che Dio ha congiunto". Congiungere (sia in greco synezeuxen, sia in latino coniugare), significa porre sotto lo stesso giogo.
La coppia umana, maschio e femmina, resa unica carne unita in modo irreversibile dal Signore Creatore, sono consustanziali: e sia perché sono l'unica "immagine e somiglianza di Dio" (Gen 1,26-27), e sia perché hanno ricevuto l'Unico Alito divino, lo Spirito del Signore (Gen 2,7). A questa carne unita e consustanziale il Signore ha assegnato in eterno l’unico statuto ontologico, che è la sua unica e comune sorte: la Vita di Dio, la divinizzazione.
Il divieto del divorzio si fonda dunque sull'essenza fondamentale dell'uomo e della donna, del loro essere stati creati in funzione l'uno dell'altro. È una relazione che è stata voluta direttamente da Dio e che non può essere infranta dagli uomini.
vv. 10-12: A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
Una volta tornati a casa i discepoli chiedono di capire meglio quanto è stato detto ai farisei. E' molto bello questo rapporto maestro/discepoli. Nell'intimità della casa l'insegnamento di Gesù continua. I suoi discepoli hanno diritto di conoscere meglio la legge che Gesù è venuto a portare.
In questa occasione Gesù passa dal precetto generale a una precisazione: poiché il matrimonio è indissolubile, chi ripudia il proprio coniuge e si unisce a un nuovo partner è uguale a un adultero. Solo Marco al v. 12 (cfr. in sinossi Mt 19,9 e Lc 16,18) aggiunge che il divorzio è escluso non solo per l'uomo, ma anche per la donna. Si comprende che Marco ha presenti le donne delle comunità provenienti dal paganesimo, come quelle di Roma, alle quali la legge, a differenza da quella ebraica, accordava l'iniziativa del divorzio (cfr. 1 Cor 7,10-11).
v. 13: Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono.
Qui inizia l’altro episodio molto diverso dal precedente. Delle persone, probabilmente i genitori o i fratelli più grandi, portavano dei bambini a Gesù, perché li toccasse, ossia imponga la mano su essi per benedirli, come soleva fare (vedi il precedente e parallelo Mt 19,13).
I discepoli si dimostrano infastiditi da questo fatto e ne rimproverano i responsabili. Il comportamento dei discepoli è del tutto plausibile, poiché i bambini a quell'epoca e in ambito giudaico non erano molto considerati.
vv. 14-16: Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso».
Solo l'evangelista Marco parla dell'indignazione di Gesù. Gesù chiede loro che i bambini non vengano ostacolati nel venire a Lui. In contrapposizione ai farisei che credevano che, per la loro santità, per la loro osservanza dei precetti, avrebbero meritato il regno di Dio, Gesù contrappone gli ultimi della società.
I discepoli litigano per chi vuol essere più grande, chi deve occupare la destra o la sinistra dimenticando l’umiltà, dimenticando di farsi ultimi.
Gesù coglie l'occasione per dare ancora un insegnamento su come accogliere il Regno di Dio e la sua Parola. I bambini vengono portati come esempio di chi è ultimo.
Gesù ci suggerisce invece di farci piccoli perché la grandezza di Dio possa prendere posto in noi.
E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.
La benedizione dei fanciulli era conosciuta anche presso gli ebrei, ma essi sostanzialmente li disprezzavano.
Gesù benedicendo i piccoli esprime dunque la sua accoglienza verso i deboli, i disprezzati, i poveri, gli ultimi.

La Parola illumina la vita
Mi capita qualche volta di avere il cuore indurito, di non voler ascoltare la Parola del Signore e cercare degli espedienti per non lasciarmi mettere in discussione?
Cosa penso dell'indissolubilità del matrimonio? Penso sia possibile senza che l'unione dei due coniugi sia fondata sulla fede in Cristo?
Cosa faccio per rendere bello il mondo in cui Dio mi ha posto come custode e continuatore della sua opera?
Sono capace di farmi piccolo, ultimo per accogliere il Regno di Dio?

Pregare
Beato chi teme il Signore
e cammina nelle sue vie.
Della fatica delle tue mani ti nutrirai,
sarai felice e avrai ogni bene.

La tua sposa come vite feconda
nell’intimità della tua casa;
i tuoi figli come virgulti d’ulivo
intorno alla tua mensa.          

Ecco com’è benedetto
l’uomo che teme il Signore.
Ti benedica il Signore da Sion.

Possa tu vedere il bene di Gerusalemme
tutti i giorni della tua vita!
Possa tu vedere i figli dei tuoi figli!
Pace su Israele! (Sal 17).

Contemplare-agire

Contemplo questa Parola di vita lasciandoci aiutare da S. Teresa di Lisieux: Quello che piace a Lui, è di vedermi amare la mia piccolezza e la mia povertà, è la speranza cieca che ho nella sua misericordia. Ecco il mio solo tesoro.

Nessun commento:

Posta un commento