giovedì 22 ottobre 2015

LECTIO: XXX Domenica del Tempo Ordinario (B)

Lectio divina su Mc 10,46-52


Invocare
O Dio, luce ai ciechi e gioia ai tribolati, che nel tuo Figlio unigenito ci hai dato il sacerdote giusto e compassionevole verso coloro che gemono nell'oppressione e nel pianto, ascolta il grido della nostra preghiera: fa' che tutti gli uomini riconoscano in lui la tenerezza del tuo amore di Padre e si mettano in cammino verso di te. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Leggere
46 E giunsero a Gerico. Mentre partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. 47 Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». 48 Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». 49 Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». 50 Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. 51 Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». 52 E Gesù gli disse: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Silenzio meditativo: Grandi cose ha fatto il Signore per noi.

Capire
Siamo al capitolo 10 del Vangelo di Marco. Il viaggio verso Gerusalemme, itinerario teologico più che topografico, sta per concludersi; l'ultima tappa è Gerico dove Marco situa l'incontro con il cieco Bartimeo, descritto seduto a mendicare. L'episodio chiude gli insegnamenti di Gesù ai discepoli ed acquista un significato rilevante diventando il paradigma del percorso di fede e della sequela di Cristo verso la croce che lo attende a Gerusalemme. Infatti, nel capitolo seguente verrà narrata l'entrata trionfale di Gesù nella città santa.
Questo è più di un racconto di guarigione. La vera protagonista del brano è la fede. A fronte di un considerevole numero di persone (tra cui i discepoli più vicini a Gesù, in particolare i figli di Zebedeo), che sono ciechi perché non capiscono dove Gesù stia andando e soprattutto cosa lo aspetti (descritto nel brano), un cieco vero e proprio, Bartimeo è attento alla presenza di Gesù, lo sa riconoscere e dopo aver ricevuto la vista fisica lo segue senza alcuna esitazione.

Meditare
v. 46: E giunsero a Gerico. Mentre partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare.
Gerico, città storica, è situata nei pressi del fiume Giordano. Gesù ormai è a pochi chilometri dalla sua meta: Gerusalemme.
Il versetto (tutto il brano) che si presenta con una sua dinamicità e personaggi, non descrive Gesù che si ferma in questa città, ma che arriva e riparte insieme ai suoi discepoli e una folla numerosa.
Lungo la strada abbiamo un cieco che mendica. La strada è la via del discepolato, dell’amore. Marco, a differenza degli altri sinottici, indica che lungo la via dell’amore vi è un cieco il cui nome è Bartimeo. È un composto di “Bar” e di “Timeo”. Il primo significa “figlio”, mentre il secondo significa “onore”: “figlio dell’onore”. Il nome per gli ebrei presentava l’essenza stessa della persona, la sua natura, la sua forza, la sua attività.
vv. 47-48: Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Il cieco invoca Gesù dandogli un titolo di carattere messianico, ma è pure un'invocazione di misericordia, già tipica in ambito giudaico. Egli ad alta voce dice il suo Kyrie eleison, la sua richiesta di elemosina, di misericordia.
L'appellativo Figlio di Davide di per sé ha una valenza politica, messianica. È l'unica volta che Marco riferisce questo appellativo a Gesù; è un titolo messianico che ben conosciamo ( Cfr. Mt 9,27; 12,23; 15,22; 21,9,15 ). Dal Messia, discendente di Davide si attendeva la liberazione di Israele dall'occupazione straniera e non la guarigione dalle malattie. Rimane però una tradizione in ambito giudaico in cui Davide veniva ricordato come re misericordioso, dotato di sapienza, autorità di insegnamento e potere sui demoni. Quindi l'invocazione del cieco non è fuori luogo.
La folla non afferra l’intento di Bartimeo e cerca di zittirlo, di porre fine alle sue inutili e fastidiose grida da mendicante.
La fede di Bartimeo è più forte ed è messa alla prova. Egli non desiste e grida ancora più forte, tanto da attirare l'attenzione del maestro.
v. 49: Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!».
Alle forte grida Gesù interviene. Lo fa chiamare. Luca scrive invece: “ordinò che glielo conducessero” (18,40). I discepoli nell’episodio sono stati costretti (in quanto volevano metterlo a tacere), forse, ad essere la voce di Gesù. Tre parole accompagnano questa chiamata: “coraggio”; “alzati”; “ti chiama”. “Sono parole che riscattano colui che le ascolta ma, nello stesso tempo, coloro che le dicono: l’uno, privo della luce della verità – e, per questo, rimasto ai bordi della strada – può compiere un’esperienza di risurrezione, uscendo dalla sua solitudine e vincendo la sua paralisi” (Giuseppe Agrò). Questo movimento ascendente della risurrezione, è possibile solo a chi accoglie concretamente la chiamata.
v. 50: Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Alla chiamata di Gesù il cieco risponde con tanto entusiasmo tanto da abbandonare il mantello con cui si ricopriva (cfr. 2Re 7,15).
L'alzarsi del cieco gettando via il mantello è un gesto molto dinamico, che apre alla novità del miracolo di cui l'uomo sarà protagonista. Il mantello nella Bibbia non è un semplice indumento. Era un segno di dignità. Lo si usava come coperta di notte, lo si poteva dare in pegno in caso di debito. Per il mendicante serviva a raccogliere l’obolo.
Il mantello rappresenta la totalità della persona, la sua essenza. Gettando via il mantello il cieco rinuncia al passato, a quello che egli era stato fino ad allora, a quanto aveva mendicato fino a quell’istante per iniziare una vita nuova, alla sequela di Gesù.
v. 51: Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!».
Gesù si mette a disposizione. Gli chiede che cosa vuole che faccia per lui. Anche ai figli di Zebedeo fu detta la stessa cosa per la loro cecità (10,36).
Questa domanda al cieco è pedagogica. Gesù sapeva bene cosa volesse il cieco, ma glielo chiede perché vuole che compia l'itinerario dalla tenebra alla luce.
Il cieco chiama Gesù Rabbunì, che significa Maestro mio. Nel Vangelo ritroveremo questa espressione pronunciata da Maria Maddalena quando riconosce Gesù risorto nel giardino accanto alla sua tomba (Gv 20,16).
Bartimeo desidera riavere la vista: vuole un miracolo. In molti testi dell'AT, come del resto nei Vangeli, ridare la vista ai ciechi costituisce un segno del tempo messianico. Gesù, infatti, ai discepoli del Battista che vogliono sapere se è lui il Messia, risponde: “Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista…” (Lc 7,22).
In Ger 31,7 il “cieco” è nominato per primo tra quelli che partirono nel pianto e saranno riportati tra le consolazioni. Anche Is 35,5 indica il ritorno della vista come un segno caratteristico della venuta del Messia, quando dice: “Allora si apriranno gli occhi dei ciechi”. L'evangelista Giovanni da un significato spirituale della cecità e della vista (Gv 9,1-41).
v. 52: E Gesù gli disse: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.
Un caso simile lo troviamo in 5,34 con l’emorroissa. Qui il miracolo avviene non attraverso un gesto di guarigione fisica ma nelle parole riguardanti la fede del cieco. Infatti in questo caso il mendicante non ha acquistato solamente la vista, ma mediante la sua fede ha ottenuto anche di arrivare a Gesù che lo può salvare. L'episodio acquista così una dimensione più profonda: la salvezza non è solo quella fisica (la vista, cfr. 3,7; 5,24; 6,1), ma anche spirituale, come per gli apostoli e gli altri discepoli (cfr. 1,18; 2,14-15; 8,34; cfr. anche Is 42,18; cfr. Ger 31,7-9).
Nella fede ha realizzato un'unione personale con Gesù. Ecco perché dopo il miracolo lo segue sulla strada di Gerusalemme, sulla via dell’amore. Egli è diventato a pieno titolo discepolo, che segue il suo Maestro (Rabbunì) sulla via della croce.
Bartimeo ha trovato in Gesù il suo onore. È stato capace di attuare, per l'eternità, le parole del Salmista: “poiché presso Te sta la Fonte della Vita, e nella Luce tua noi vedremo la Luce” (Sal 35,10).

La Parola illumina la vita
Chi è Gesù per me?
Mi ritengo ancora cieco, bisognoso di "riavere la vista"?
Qual è il mio atteggiamento verso coloro che vogliono incontrare Gesù? Anche io come la folla li metto a tacere, o cerco di favorire quest’incontro?
Quale onore vado cercando?
Cosa dice l'esperienza di Bartimeo al mio cammino di fede?

Pregare
Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion,
ci sembrava di sognare.
Allora la nostra bocca si riempì di sorriso,
la nostra lingua di gioia.        

Allora si diceva tra le genti:
«Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
Grandi cose ha fatto il Signore per noi:
eravamo pieni di gioia.          

Ristabilisci, Signore, la nostra sorte,
come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime
mieterà nella gioia.

Nell’andare, se ne va piangendo,
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con gioia,
portando i suoi covoni. (Sal 125).

Contemplare-agire

Gesù insegna instancabilmente qualcosa che viene prima di ogni miracolo, insegna la compassione, che rimane l'unica forza capace di far compiere miracoli ancora oggi, di riempire di speranza il dolore del mondo. Noi saremo come Cristo non se faremo miracoli, ma se sapremo far sorgere nel mondo il tempo della divina compassione (Ermes Ronchi).


Nessun commento:

Posta un commento