venerdì 6 maggio 2016

LECTIO: ASCENSIONE DEL SIGNORE (C)

Lectio divina su Lc 24,46-53

Invocare
Esulti di santa gioia la tua Chiesa, o Padre, per il mistero che celebra in questa liturgia di lode, poiché nel tuo Figlio asceso al cielo la nostra umanità è innalzata accanto a te, e noi, membra del suo corpo, viviamo nella speranza di raggiungere Cristo, nostro capo, nella gloria.
Egli è Dio, e vive e regna con te nell'unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Leggere
46 e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, 47 e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. 48 Di questo voi siete testimoni. 49 Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall'alto». 50 Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. 51 Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. 52 Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia 53 e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

Silenzio meditativo: Ascende il Signore tra canti di gioia.

Capire
Con il brano dell’ascensione si conclude il Vangelo di Luca, anche se a dire il vero l’opera lucana è un tutt’uno con gli Atti degli Apostoli. Si può definire il brano dell’ascensione come testo cerniera (cfr. Lc 24-46-53; At 16-11), in quanto negli Atti, dopo l’ascensione, inizia il tempo della Chiesa
Il vangelo di Luca diversamente dagli Atti, concentra in un unico giorno, il primo dopo il sabato, gli eventi pasquali, per indicare che l’esaltazione è inseparabile dalla risurrezione.
Al mattino pone l’incontro al sepolcro delle donne con i due uomini in vesti sfolgoranti, poi identificati come angeli e la visita di Pietro; durante il giorno avviene l’apparizione ai discepoli di Emmaus e alla sera l’apparizione agli Undici e agli altri riuniti.
Il racconto dell’Ascensione non ha indicazione di tempo ed inizia con il riferimento di Gesù alla passione e risurrezione, alla predicazione universale e alla testimonianza con la forza dello Spirito. Tutto è desunto dalla Scrittura; Gesù, infatti, sta aprendo la mente dei discepoli alla sua comprensione. C’è uno stretto legame tra Ascensione e Risurrezione.
Con l’Ascensione si vuole sottolineare il compimento del percorso che Gesù ha compiuto, di discesa (incarnazione, passione e morte) e di ascesa (risurrezione e ascensione al cielo), movimento che ha lo scopo di recuperare tutto il mondo alla comunione con Dio. Inoltre, nella Scrittura l’Ascensione viene anche interpretata in senso sacerdotale (vedi seconda lettura: Eb 9,24-28;10,19-23): Gesù sale al cielo come sommo sacerdote (cfr. Eb 8,2-13).

Meditare
v. 46: e disse loro: «Così sta scritto:
Il versetto ci riporta al precedente v. 45: “Allora aprì loro la mente all’intelligenza delle Scritture e disse”, come dice anche l'apostolo in 1Gv 5,20, ed apre i loro occhi come già aveva fatto ad Emmaus (v. 31). Il Cristo è l'Agnello che svela, che toglie il sigillo dalla cecità (cfr. Lc 9,45;18,34). Finalmente è levata la maledizione di Isaia: «Per voi ogni visione sarà come le parole di un libro sigillato: si dà a uno che sappia leggere, dicendogli: "Leggilo", ma quegli risponde: "Non posso perché è sigillato"» (Is 29,11-12).
Per questo «noi tutti, a viso scoperto, riflettendo come in uno specchio la gloria del Signore, veniamo trasformati in quella medesima immagine, di gloria in gloria, secondo l'azione dello Spirito del Signore» (2 Cor 3,18).
Da come vengono presentati o appaiono i versetti, le Scritture convergono tutte verso la Pasqua, verso il Cristo glorioso. Se le Scritture non ci conducono alla Pasqua, facciamo di esse delle guide cieche.
il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno
“Intelligenza delle Scritture” significa fare riferimento a ciò che ‘sta scritto’ e il riferimento è: “il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno”.
Gesù riprende una delle cose che nel suo ministero sono state più presenti, soprattutto nel vangelo di Luca, cioè l’annuncio della sua passione, l’annuncio della sua Pasqua. C’è questa unità del mistero pasquale: il Gesù che ha patito è il Gesù che è risuscitato. Questo dobbiamo sempre tenerlo presente. Non c’è una cosa senza l’altra: non c’è risurrezione senza passione e non c’è passione senza risurrezione.
v. 47: e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli
Questa è la novità. Dal mistero pasquale di Cristo nasce la predicazione, nel nome cioè di colui che ha patito ed è risuscitato dai morti il terzo giorno. Tutte le nazioni pagane sono comprese nell'invio in missione dei discepoli (cf Mt 28,19), anzi in Mc 16,15 abbiamo una dichiarazione più ampia:«a tutta la creazione».
La predicazione è frutto della pasqua. Non solo si attingono dalla pasqua i contenuti della predicazione, ma la pasqua è ciò che si deve annunciare e predicare. La predicazione dipende dal mistero pasquale inteso come “uno”.
la conversione e il perdono dei peccati
Vengono messe insieme due realtà, la conversione e il perdono dei peccati. A tutte le genti viene annunciata la conversione a cui fa seguito il perdono dei peccati. È importante non disgiungere mai la conversione e il perdono. Quello che stupisce però è questo: innanzitutto l’essenzialità della predicazione che deve vertere su questo invito alla conversione e al perdono dei peccati. Ma accostando la conversione e il perdono dei peccati, vengono indicate queste due realtà come dono. Sia la conversione che il perdono non dipendono dalle capacità delle genti (e qui sta l’universalità, dal momento che per “genti” s’intende la non esclusione di nessuno da questo annuncio), ma sono frutto, ancora una volta, della Pasqua, del dono dello Spirito.
cominciando da Gerusalemme.
Gerusalemme è centrale e l’annuncio non può che cominciare da questo luogo. Ogni tentativo di abbandonare Gerusalemme finisce miseramente. Pensiamo ad esempio alla parabola del Samaritano. Incappare nei briganti è la causa del cammino inverso di quello che ha fatto il Signore. Quindi si sta lì. Non possiamo andare in altri posti; la nostra permanenza a Gerusalemme, cioè nei luoghi della Pasqua, è garanzia per non fallire. È da lì che si comincia ed è lì che bisogna ritornare, perché a Gerusalemme scende la grazia dello Spirito (cfr. At 1,8).
v. 48: Di questo voi siete testimoni.
Chi rende testimonianza (ho martyrôn) alla verità, difendendola con le parole o con gli atti, può a giusto titolo essere chiamato «testimone» (mártys). Ma secondo la consuetudine dei fratelli colpiti dai comportamenti di quelli che hanno combattuto fino alla morte per la verità, non si usa «martire» (mártys), in tutta la forza di questo termine, se non per quanti nell’effusione del sangue hanno reso testimonianza (martyrésantas) al «mistero della pietà» (1Tm 3,16) (Origene, Commento a Giovanni, II,210).
Gli apostoli vengono definiti testimoni (mártys) per diritto e per dovere non solo delle cose viste stando con Gesù (At 21-22), poiché hanno «mangiato e bevuto» con il Signore (cfr. At 1,4; 10,41), ma dell'esperienza personale dell'incontro con Gesù, dell'adesione a lui nella fede, al di là delle loro attese e prospettive umane (cf Lc 24,11. 25. 38. 41).
Essere testimoni vuol dire portare scritta nella pelle, cucita sillaba per sillaba, la parola che è Cristo. Perciò i credenti debbono rendere testimonianza al Cristo risorto non solo con la vita ma anche con la parola, con l’annuncio del vangelo. La missione evangelizzatrice del mondo intero forma uno dei compiti fondamentali della chiesa.
v. 49: Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall'alto».
Le promesse di Gesù non vengono meno. Lui se ne va, ma non lascia orfani i suoi amici. Questo versetto viene tradotto anche così: “E io mando su di voi la Promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città, finché non siate rivestiti dalla Forza dall’alto”. La “Promessa del Padre” e la “Forza dall’alto” indicano la persona dello Spirito.
I discepoli devono restare in città, cioè attendere pazientemente (cfr. Mt 5,1; 2Ts 2,4) per essere "rivestiti". Il vestito è nuovo, più bello. Precedentemente Gesù aveva detto di non preoccuparsi del vestito (cfr. Mt 6,25), perché è importante rivestirsi delle armi della luce (Rm 13,12).
Ai discepoli non resta che accogliere docilmente la persona divina dello Spirito che è la potenza del Padre che renderà capaci di testimoniare.
vv. 50-51: Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse.
Betania è il luogo in cui comincia e finisce il soggiorno di Gesù a Gerusalemme; posta a oriente della città, da lì si attende il ritorno della Gloria (Ez 43,2), perché da lì è partita (cfr. Ez 11,23). È il luogo dell’amicizia, non può esserci motivo solenne in un luogo bello come questo. Inoltre, Betania è il luogo del profumo di Cristo e l’amico ne viene contagiato perché è l’amore di Dio, l’amore del Creatore, l’amante per eccellenza, l’unico amante.
Alza le sue mani nel gesto sacerdotale (cfr. Sir 50,20; Lv 9,22) e li benedice. La benedizione è un dono. Con l’ispirazione di Luca ai testi dell’Antico testamento, Gesù risorto è presentato, implicitamente, come il Sommo Sacerdote che benedice il suo popolo santo, prima di separarsi visibilmente da esso, per colmarlo della sua grazia divina.
Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo.
Anche se il distacco per i discepoli si presenta come un dolore, qui viene letto in uno stato di grazia.
Gli apostoli vivono una comunione intensa con il loro Signore tanto da non avvertire la separazione.
La separazione finale di Gesù risorto dai suoi discepoli è avvenuta in un contesto di benedizione.  
L’ascensione (separazione) è descritta coi termini greci che indicano una assunzione, un rapimento (opera di Dio) piuttosto che un'ascensione (compiuta da Cristo)
Anche il profeta Elia fu “rapito su un carro di fuoco” (2Re 2,1-13). Questo fuoco altro non è che l'amore; l'amore è forte come la morte, insaziabile come lo Sheol, le sue fiamme sono fiamme di Jhwh (cfr. Ct 8,6). Ecco perché il Siracide dice: “Beato chi ti vide, Elia, addormentato nell'amore” (Sir 48,11).
Di Gesù il nostro versetto dice: «fu portato»; in At 1,9 «fu elevato», ma anche in Ap 12,5 «fu rapito»; solo Paolo usa «ascendere» in Ef 4,8 e Gv 20,17; tuttavia Gesù venuto dal Padre, vi ritorna, ma la sua benedizione e la sua presenza rimangono in mezzo alla sua comunità. Anzi lui fa ritorno in altra veste.
v. 52: Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia
Per la prima volta appare il verbo adorare. In greco proskynéō vuol dire sia prostrare che adorare. Tanto è vero che alcune traduzioni non portano il verbo prostrarsi ma adorare come la vulgata. Quindi i discepoli, per la prima volta adorano Gesù, lo riconoscono Signore della loro vita. Cosicché si realizza quanto è già scritto nella Scrittura: “ogni ginocchio si pieghi” (Is 45,23).
Il piegare le ginocchia è un gesto di riverenza dinanzi a una persona superiore (1Re 1,23; Mt 17,14; Mc 1,40) e in modo particolare come segno di adorazione verso Dio (Mi 6,6; Is 45,23; Rm 11,4; 14,11; Ef 3,14).
Il congedo di Gesù dai discepoli non crea disagio. Anzi, essi tornano a Gerusalemme pieni di gioia e, da Gerusalemme, partiranno per la predicazione a tutte le genti con questa stessa gioia, con questo tesoro sconfinato, la gioia dell'appartenenza a Cristo.  
v. 53: e stavano sempre nel tempio lodando Dio.
Questa gioia esplode anche nel Tempio. Questa parte finale, è accompagnata dal verbo “stare” molto importante per il cristiano.
Stare suppone una forza particolare, la capacità di non fuggire le situazioni ma di viverle assaporandole fino in fondo. Stare. Un programma evangelico da portare a tutti. Allora la lode scaturisce sincera, perché nello “stare”, la volontà di Dio è sorseggiata come bevanda salutare e inebriante di beatitudine.
Lodare Dio vuol dire riconoscere quello che lui ha fatto nel Figlio Gesù e realizzare un grande desiderio: «Una cosa ho chiesto al Signore, questa sola io cerco: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per gustare la dolcezza del Signore» (Sal 27,4).

La Parola illumina la vita
So gioire di quanto Dio opera nella mia vita e nella vita di tutti?
Riconosco (adorazione) Gesù come Signore della mia vita?
Lo rendo presente con una gioiosa testimonianza?
Vivo la dimensione del Tempio come una continua lode?

Pregare
Popoli tutti, battete le mani!
Acclamate Dio con grida di gioia,
perché terribile è il Signore, l’Altissimo,
grande re su tutta la terra.

Ascende Dio tra le acclamazioni,
il Signore al suono di tromba.
Cantate inni a Dio, cantate inni,
cantate inni al nostro re, cantate inni.

Perché Dio è re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sulle genti,
Dio siede sul suo trono santo. (Sal 46).

Contemplare-agire
Lasciamoci guidare dall’azione dello Spirito e non da uno sguardo che non fa altro che guardare il nostro cielo. Il Signore ci doni il suo cielo che è più largo, è ampio come il mondo e profondo come il cuore degli uomini, avvolge il volto dei deboli, copre le terre martoriate dalla guerra, si stende sul letto dei malati, copre le piazze o le strade ove vivono i senza tetto. Sia questo cielo da contemplare e da vivere.


Nessun commento:

Posta un commento