giovedì 8 giugno 2017

LECTIO: DOMENICA DELLA SANTISSIMA TRINITA' (A)

Lectio divina su Gv 3,16-18


Invocare
Padre, fedele e misericordioso, che ci hai rivelato il mistero della tua vita donandoci il Figlio unigenito e lo Spirito di amore, sostieni la nostra fede e ispiraci sentimenti di pace e di speranza, perché riuniti nella comunione della tua Chiesa benediciamo il tuo nome glorioso e santo.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Leggere
16Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 17Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 18Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio.  

Silenzio meditativo ripetendo mentalmente il testo cercando di ricordare quanto letto o ascoltato

Capire
Celebriamo la solennità della Santissima Trinità. Essa propone uno sguardo alla realtà di Dio amore e al mistero della salvezza realizzato dal Padre, per mezzo del Figlio, nello Spirito Santo e va compresa come continuazione della solennità di Pentecoste.
Siamo al cap. 3 del Vangelo giovanneo e, precisamente, nel dialogo tra Gesù e Nicodemo. Gesù aveva parlato a Nicodemo della nuova nascita nello Spirito Santo e del mistero del Figlio dell'uomo. Poi, parlando di se stesso (v. 14), gli aveva detto che avrebbe dovuto essere elevato da terra, cioè messo in croce, perché chiunque creda abbia per mezzo di lui la vita eterna.
Nicodemo è chiuso nei propri schemi logici e teologici non sufficienti ad accogliere Gesù che è ben di più di un maestro. L’unica possibilità di conoscere l’identità di Gesù e di dare ad essa un significato esistenziale, è lasciarsi guidare completamente da Lui ed accettare di essere discepoli e non maestri.
Questi tre versetti portano il dialogo oltre. All’origine di tutto ciò c’è un disegno di salvezza. C’è Dio Padre. Questo disegno di salvezza è un grande progetto d’amore ideato “all’interno” della Santissima Trinità, il quale si è realizzato attraverso l'invio del Figlio nel mondo.
Il vangelo di questa domenica ci racconta, in tre versetti, di questo progetto e dei suoi obiettivi. Non ha bisogno di grandi spiegazioni per capire, ma se prestiamo attenzione ci parlerà dentro per cogliere il nulla e in particolare capire, in questo grande mistero, chi sono io e chi è Lui.

Meditare
v. 16: Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
Il versetto ha lasciato dietro la necessità dell’innalzamento sulla croce. Qui motiva questa necessità: Dio ha tanto amato il mondo. Così inizia il brano ed è una realtà fondante e assoluta. Anzi, aggiungiamo, che questo versetto è considerato il cuore della Bibbia, il testo che contiene il suo messaggio principale, il versetto che riassume l’intero insegnamento della Sacra Scrittura.
Che cos’è il “mondo” di cui parla l’evangelista? Il termine indica l’uomo, gli uomini e le cose create. In particolare indica ciò che è di negativo nelle relazioni o che si oppongono alla luce divina.
L’amore del Padre celeste per il mondo, chiuso nel peccato e nella tenebra, rappresenta la ragione suprema e ultima dell’invio del Figlio all’umanità: Egli la vuole portare al conseguimento della vita e della salvezza.
L’amore è al centro e precede tutto. L’amore è ciò che è quotidianità. Senza amore tutto è morto, compreso il cibo che compriamo e cuciniamo.
In questo amore abbiamo un dono dal Padre: il Figlio. L’evangelista in merito ci ricorda che altri doni ha fatto il Padre: il dono dello Spirito santo (3,14; 14,16), il dono della vita (5,26; 6,33), il dono della figliolanza (1,12s), il dono
della parola (1,17; 4,10), il dono del pane di vita (6,27.31), il dono della gloria (17,22.24). Ora sottolinea il dono dei doni, il più straordinario, che manifesta la “follia” dell’amore di Dio, il dono del Figlio.
Il verbo donare è accompagnato dall’articolo “il” (ton). Nel suo contesto mette in risalto la straordinarietà dell’amore folle di Dio. Esso, infatti, assume quel carattere di oblazione sacrificale ed evoca il sacrificio di Isacco (cfr. il figlio unico e amato di Gen 22,2.12); Dio Padre offre realmente, fino in fondo la sua vita, suo Figlio, quale unica speranza di salvezza per l’umanità. L’offerta che Dio fa del suo amore è la più alta che si possa immaginare e giustifica il carattere definito e finale della scelta che deve rispondere ad essa.
Qui sta il concetto della fede cristiana: credere nell’amore incredibile che Dio ha per l’uomo, alla passione di Dio per l’uomo. Questo amore è comprensibile solo guardando l’uomo della Croce, guadando la Croce. Giovanni questo lo sa, perché egli ha e vive la passione per Dio.
Il versetto allude anche alla mancanza della fede, allude che il mondo ha bisogno di essere salvato. La sua condizione è di incertezza, di incompletezza, in pericolo. Già nel Prologo (1,10), Giovanni ci ha detto che il mondo fu fatto mediante il Verbo e che il mondo non l'ha conosciuto.
Il conoscere ci indirizza anche alla motivazione ultima per cui il Figlio è il Mandato: il possesso della vita eterna.
Questo folle amore di Dio non deve andare perduto. Esso deve vivere del dono e del desiderio di essere corrisposto (cfr. 6,12), la premura del Padre è per ciascun figlio da Lui seguito con premura esclusiva, perché non venga a mancare il nutrimento della vita (cfr. Gv 10).
v. 17: Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
Il versetto insiste sulla motivazione del Mandato: la salvezza del mondo. Perché questa insistenza riportata dell’evangelista Giovanni? Dio è un innamorato e solo l’innamorato è colui che insiste.
Il pensiero giudaico considerava il Messia soprattutto come un giudice escatologico, un castigatore che eseguiva il giudizio di Dio. Lo stesso Battista sembra inizialmente pensare a colui che deve venire come il giudice che ripulisce l’aia e sfronda gli alberi sterili (cfr Mt 3,10.12); Giovanni, invece, ci presenta un volto di Dio impegnato affinché ogni uomo giunga alla salvezza.
In tale prospettiva invita a guardare il Figlio, non solo nel momento della sua venuta su questa terra, ma anche nel suo aspetto sacrificale - “per mezzo di lui” - in quanto egli è colui che «toglie il peccato del mondo» (1,29) «riparazione per i nostri peccati» (1Gv 4,10).
Per farci entrare dentro questa prospettiva, Giovanni gioca molto sugli opposti. «Vita eterna» e «salvare» di oppongono a «perdersi» e «giudicare». Questi termini si ritroveranno poi nel v. 18 quando si ricorderà che chi si rifiuta di credere è già giudicato.
Questi opposti dicono semplicemente di vivere da figli. Il Figlio, infatti, ci insegna ciò che siamo noi, figli. E ci insegna ad amare i fratelli come Lui, che conosce l’amore del Padre.
Questo aspetto possiamo capirlo solo in questo grande mistero di donazione, di amore. Il Figlio Unigenito generato è ricolmo dello Spirito Santo, espressione massima dell’amore. Senza la rivelazione di Gesù Cristo l'amore di Dio rimane lontano e inaccessibile.
v. 18: Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio."
Anche qui abbiamo gli opposti: “credere” per “non essere condannati” o “giudicati”. Lo scopo della venuta del Figlio non è stato il giudizio (12,47), al contrario di ciò che il messianismo nazionalistico dell'epoca immaginava. Lo scopo della sua venuta è di condurre alla Vita coloro che accettano di conformarsi alla Luce, che accettano di credere, e il giudizio si compie per il solo fatto che, dopo la venuta del Figlio, la volontà umana deve necessariamente prendere una decisione in un senso o nell'altro.
La legge di Cristo Gesù è la legge del “portare” (cfr. Gal 6,2). Il risultato del «credere» è nella linea del «non essere giudicato». Alla fine dei tempi avrà luogo il giudizio finale: in base alla condotta degli uomini, il giudizio ultimo deciderà se raggiungeranno la vita o se la perderanno definitivamente.
Gesù è venuto come luce e chi crede in lui vede scomparire le tenebre che lo circondano, cioè tutte le distorsioni rabbiniche sui testi sacri.
Giovanni non dice “credi in Dio”. Egli dice che la sola opera richiesta è la fede nel Figlio. Tutti vengono chiamati a credere nel Nome dell'unigenito Figlio di Dio. Il nome manifesta la persona nella sua interezza, la fede è adesione a Cristo riconosciuto come Figlio di Dio e come colui che rivela chi è il Padre.
Questa rivelazione nasce dall’amore e rifiutarla significa aderire all’odio. Significa rifiutare quel “genoma” che sta dentro di noi: la SS. Trinità, Dio-Amore.
Gesù non ha parlato per iniziativa propria, ma per ordine del Padre, che gli ha detto ciò che doveva dire agli uomini per la loro salvezza. La parola del Figlio è dono di salvezza. Non è semplice conoscenza, ma conoscenza che vuole corrispondenza d’amore per diventare ciò che è: salvezza.
La parola che è di vita, di amore è stata donata. Chi la rifiuta è condannato dalla parola data perché essa è irrifiutabile se non a prezzo di una perversione di sé (cfr. 12,48).

La Parola illumina la vita
Mi sono mai sentito/a giudicato/a dal Signore? In che modo?
Mi sono mai sentito/a amato/a dal Signore? In quale frangente?
Quale posizione assumo di fronte all’amore folle di Dio?
Credo fermamente che in me esista il “genoma” di Dio-Amore?
Quale rapporto vivo con il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo?
Come vivo i rapporti interpersonali nella solidarietà, nell’amore vicendevole nell’ambito della mia città, della mia famiglia, del mio lavoro, della mia comunità ecclesiale?

Pregare  Rispondi a Dio con le sue stesse parole…
Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri.
Benedetto il tuo nome glorioso e santo.
Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, glorioso.
Benedetto sei tu sul trono del tuo regno.
Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi e siedi sui cherubini.
Benedetto sei tu nel firmamento del cielo. (Dn 3,52-56)

Contemplare-agire
Penetra sempre più in questa profondità. È là che ha sede la solitudine nella quale Dio vuol attrarre l'anima per parlarle, come cantava il profeta. Ma per capire questa parola piena di mistero non bisogna arrestarsi, per così dire, alla superficie. Bisogna invece addentrarci più a fondo nell'Essere divino mediante il raccoglimento...Lasciamoci scivolare giù per la china in una confidenza piena di amore. (Santa Elisabetta della Trinità).


Nessun commento:

Posta un commento