domenica 27 settembre 2015

LECTIO: XXIII Domenica del Tempo Ordinario (B)

Lectio divina su Mc 7,31-37


Invocare
Custodisci sempre con paterna bontà la tua famiglia, Signore, e poiché unico fondamento della nostra speranza è la grazia che viene da te, aiutaci sempre con la tua protezione. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Leggere
31 Di nuovo, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. 32 Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. 33 Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; 34 guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». 35 E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. 36 E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano 37 e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

Silenzio meditativo: Loda il Signore, anima mia.

Capire
L’evangelista Marco raccoglie nella sua opera 18 episodi di miracoli. Il vangelo odierno ne presenta uno: per la prima volta qui Gesù fa ricorso a gesti molto comuni tra i guaritori dell'epoca; infatti pone le dita negli orecchi del sordomuto e gli tocca la lingua con la saliva, ritenuta elemento medicamentoso sia dagli ebrei che dai pagani; poi guarda verso il cielo, emette un sospiro e pronuncia una parola aramaica: "effatà!" (noi siamo abituati a sentirla durante il rito del battesimo dove il sacerdote sfiora con un dito le labbra del neonato, tocca le sue orecchie e dice: "Il Signore Gesù, che fece udire i sordi e parlare i muti, ti conceda di ascoltare presto la sua parola e di professare la tua fede, a lode e gloria di Dio Padre."), che subito l'evangelista traduce in greco: "apriti!".
Questa apertura è indirizzata, sì all’ascolto della Parola ma soprattutto alla misericordia di Dio

Meditare
v. 31: Di nuovo, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
Gesù ritorna su i suoi passi, riprende quel cammino ritornando in mezzo ai pagani, elargendo la misericordia di Dio. Ma per farlo indica una certa fatica attraverso uno strano peregrinare: Tiro verso sud, Sidone verso nord, la Decapoli verso sud. È talmente strano per la durezza del cuore umano. Gesù torna e ritorna a bussare al cuore dell’uomo.
v. 32: Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano.
Nella Bibbia è considerata una condizione tragica (Sal 38,14: «Io, come un sordo, non ascolto
e come un muto non apro la bocca») e descrive accuratamente la condizione di quelli che ancor oggi sono sordi dalla nascita. La condizione di questo uomo, pagano, vuole farci intendere anche uno sguardo generale della popolazione: è sordomuta.
Quest’uomo ha bisogno di un intermediario. Lui non si accorge della sua malattia, altri gliela mostrano. Egli è sordomuto che nel testo greco, sordo, sottolinea non solo il senso della sordità ma che la persona è spenta in se. È anche muto, balbuziente. L’opera di Gesù sarà quella di farlo parlare correttamente.
L’episodio evoca la liberazione dalla schiavitù di Babilonia in Is 35,6: "La lingua del balbuziente griderà di gioia".
L’azione degli intermediari continua con la preghiera, con il chiedere il soccorso chiedendo di imporre le mani, quel gesto tipico di Gesù dove la sua forza passa dal più forte al più debole (Mc 1,31.41; 3,5; 5,41; 6,5).
v. 33: Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua
Gesù conosce il cuore dell’uomo, ancora oggi farebbe la stessa cosa, lontano dagli altri per evitare giudizi, incomprensioni. Per evitare un pensiero influente, visto il suo stato sociale.
Poi fa dei gesti “sacramentali”. "Gli stura" le orecchie: è un'azione quasi violenta. Nella Bibbia il dito di Dio indica la sua potenza (Es 8,15; 31,18; Dt 9,10; Sal 8,4; Lc 11,20). Con la saliva che qui viene ad evocare un immagine dello Spirito gli toccò la lingua.
v. 34: guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!».
Gesù in ogni e per ogni cosa entra sempre in comunione con il Padre. Senza vivere la comunione con il Padre non potrebbe fare nulla (cfr. Gv 5,19). Però, spesso freme di indignazione, come qui, o di ira, e sempre in occasione sia del rifiuto con cui è accolto (Mc 8,12), sia di un male, come qui, sia della morte, come nel caso di Lazzaro (Gv 11,33.35.38). Forse il  sospiro è liberatorio da coloro che fanno fatica a capire.
Poi pronuncia una significativa parola in aramaico (‘epp tah) quasi a farci intendere che la persona capisce o proviene dal giudaismo. Il testo greco traduce per noi la parola che indica una apertura non solo dell’udito e di tutta la persona ma alla misericordia di Dio.
v. 35: E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.
Il fatto avviene subito, immediatamente. L’evangelista definisce il motivo per cui era incapace: “il nodo”. Marco dice letteralmente che «l'udito» (akoaí) dell'uomo si è aperto, invece di usare óta, il termine che designa propriamente gli orecchi.
v. 36: E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano
Come già avvenuto in occasione di precedenti guarigioni (cfr. Mc 1,43-44; 5,43; 9,8) Gesù proibisce ai discepoli di parlare di lui, perché non hanno ancora capito chi è Gesù e annunciano, sbagliando, un Gesù Messia. Il Signore non vuole il clamore che solitamente si alza intorno al taumaturgo. Solo che Gesù non è quello che loro annunciano e per tre volte Gesù dovrà richiamarli su questo (Mc 8,31-33; 9,30-32; 10,32-34).
Gesù non guarisce i malati perché diventino credenti o si mettano al suo seguito, ma per creare uomini liberi, guariti, pieni (Ermes Ronchi).
v. 37: e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».
L’evangelista descrive i discepoli "sbalorditi, sconvolti, meravigliati, spaventati". Ciò che accade è forte e lascia le persone senza parole perché qualcosa d'inaspettato e di imprevisto. Poi riprende la Genesi (1,31) che fa "bella, buona" ogni cosa. Ma chi era nella tradizione ebraica colui che faceva tali opere? Is 35,5-6: "Allora si apriranno gli occhi dei ciechi e gli orecchi dei sordi (kophos) sentiranno; allora lo zoppo salterà come un cervo e la lingua del balbuziente (moghilalos) sarà chiara". Aprire gli occhi ai ciechi e gli orecchi ai sordi erano le opere del Messia. Se Gesù fa questo, il Messia, allora, è arrivato.
Ma l’evangelista Marco non descrive un Gesù Messia, ma come scrive fin dall’inizio:
"Inizio del vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio" (1,1) , non nella linea della gloria e della potenza ma in quella della povertà e della sofferenza: Gesù rivela la sua figliolanza divina sulla Croce (cfr. 8,29; 9,7;15,39).

La Parola illumina la vita
Chi è Gesù nella mia vita? Con quale attesa mi rivolgo a Lui?
Quanti nodi nella nostra vita che ci rendono incapaci?
Mi sento un salvato? Spartisco l’annuncio di questa salvezza con altri, con cui condivido anche la ricerca del dono di Dio?
Come vivo il mio compito di ascoltatore e annunciatore della Parola che racconta l’attuarsi della salvezza? Le mie parole quotidiane sono risposta a questo dono di Dio?

Pregare
 Il Signore rimane fedele per sempre
rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri.

Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
il Signore protegge i forestieri.

Egli sostiene l’orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione. (Sal 145)

Contemplare-agire


Ogni giorno chiediamo a Dio di aprire gli orecchi del nostro cuore all’ascolto della sua Parola, così da avere sulle nostre labbra parole di comunione fraterna e nelle nostre mani azioni di carità (Enzo Bianchi).

Nessun commento:

Posta un commento